logo life gargano image
home obiettivi habitat principali interventi didattica progetto life glossario link contatti download rss
 
 

News & Eventi

  1/6/2012
Il ritorno del "cristaredd"
 
  6/10/2011
Istituita la nuova ZPS "Monte Calvo - Piana di Montenero"
 
  21/6/2011
Il censimento del grillaio in Capitanata: una storia di successo
 
  archivio
 
 
 
 
   
 
 

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato su tutte le novità del progetto LIFE.
20/2/2008

BANDO PER L’ASSEGNAZIONE DI INCENTIVI ECONOMICI FINALIZZATI AL RIPRISTINO DI PICCIONAIE NELLE AZIENDE AGRICOLE DEI COMUNI DI RIGNANO GARGANICO, SAN MARCO IN LAMIS, SAN GIOVANNI ROTONDO, MANFREDONIA E MONTE SANT'ANGELO, RICOMPRESE NELLA ZPS “PROMONTORIO DE

1. Oggetto e finalità del bando
In attuazione dell’azione C5 del progetto LIFE Natura 2006 “Salvaguardia dei rapaci della ZPS Promontorio del Gargano” la Provincia di Foggia indice un bando per l’assegnazione di incentivi economici finalizzati al ripristino di piccionaie nelle aziende agricole dei comuni di Rignano Garganico, San Marco in Lamis, San Giovanni Rotondo, Manfredonia e Monte Sant'Angelo, ricomprese nella ZPS “Promontorio del Gargano”.
Le risorse complessive disponibili per l’attuazione del presente bando ammontano a € 195.000,00.
2. Spese ammissibili ed entità dell'incentivoLe spese ammissibili sono le seguenti:
a) spese per l'esecuzione di lavori di recupero dei volumi tecnici dei fabbricati rurali esistenti (sottotetti, piccionaie a torre, ecc.) al fine di renderli idonei ad ospitare una colonia di colombi;
b) spese per l'acquisto di esemplari di colombo (Columba livia) dalla morfologia simile alla varietà selvatica (massimo € 60 per ciascun esemplare e massimo 30 esemplari);
c) spese tecniche di progettazione e direzione lavori (massimo 20% della spesa ammissibile);
d) IVA e spese amministrative per l'ottenimento delle autorizzazioni necessarie alla realizzazione dell'intervento.
L’incentivo economico massimo erogabile è pari a € 28'000,00 per ciascuna domanda.
3. Soggetti beneficiariPossono accedere agli incentivi le aziende agricole titolari, alla data di pubblicazione del bando, di diritto di proprietà su manufatti edilizi agricoli esistenti nei territori dei comuni di Rignano Garganico, San Marco in Lamis, San Giovanni Rotondo, Manfredonia e Monte Sant'Angelo, e contemporaneamente inseriti all’interno del perimetro dell'area del progetto LIFE Natura “Rapaci del Gargano”.
4. Modalità e termini di presentazione delle domande
Le domande, corredate della relativa documentazione, devono pervenire in plico chiuso, a mezzo di raccomandata postale o tramite agenzia di recapito autorizzata o a mano, al seguente indirizzo: Provincia di Foggia – Assessorato alle Risorse del Territorio – Piazza XX Settembre – 71100 Foggia (FG).
Sul plico deve essere apposta l’indicazione del mittente e la seguente dicitura: “Progetto LIFE Natura Rapaci del Gargano – Domanda per l’assegnazione di incentivi economici finalizzati al ripristino di piccionaie”.
I plichi devono pervenire all’indirizzo indicato, a pena di esclusione, entro le ore 12 del 45° giorno successivo alla data di pubblicazione del bando. Il tempestivo recapito del plico resta ad esclusivo rischio del mittente.
5. Documentazione da presentareNel plico, a pena di esclusione, dovrà essere inserita la seguente documentazione:
1) domanda di accesso agli incentivi economici in carta semplice a firma del legale rappresentante del soggetto proponente, indirizzata a: Provincia di Foggia – Assessorato alle Risorse del Territorio – Piazza XX Settembre – 71100 Foggia (FG);
2) dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, corredata di fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità, con cui il soggetto proponente dichiara:
a. che il manufatto edilizio per il quale chiede l’ammissione all’incentivo è ubicato nel comune di _________________ in località ___________ ed è così catastalmente censito:
• comune di _________, foglio ______ particella ________ subalterno _________;
b. di impegnarsi sin d’ora, in caso di assegnazione dell’incentivo, a mantenere la piccionaia e la colonia di colombi per il periodo temporale di anni ____ (minimo 5);
c. (se ricorre il caso) che l'azienda agricola entro cui è ubicato il manufatto edilizio adotta il metodo dell'agricoltura biologica/lotta integrata;
d. (se ricorre il caso) che l'azienda agricola entro cui è ubicato il manufatto edilizio ha aderito, precedentemente all'emanazione del bando, alle seguenti attività di tutela delle specie di rapaci proposte dal progetto LIFE Natura: ____________________;
e. di impegnarsi sin d’ora, in caso di assegnazione dell’incentivo, a sottoscrivere con la Provincia di Foggia la convenzione di cui all’allegato A del bando per il medesimo periodo temporale;
f. di essere titolare del diritto di proprietà sul manufatto per il quale chiede l’ammissione all’incentivo e di averne la piena e libera disponibilità;
g. che il manufatto è libero da ipoteche e gravami di qualsiasi genere che possano pregiudicare l’imposizione del vincolo giuridico conseguente all’assegnazione degli incentivi (mantenimento della piccionaia per il periodo temporale di cui al punto b);
h. di essere consapevole che l’incentivo eventualmente assegnato sarà comprensivo di eventuali imposte e tasse e di qualsiasi altro onere che dovesse gravare sul beneficiario.
3) corografia in scala 1:25.000 con ubicazione del manufatto;
4) documentazione fotografica del manufatto su cui si intende realizzare la piccionaia composta da non meno di n. 2 fotografie riprese da due diverse angolazioni;
5) elaborati grafici e computo metrico estimativo dei lavori di ristrutturazione necessari alla realizzazione della piccionaia (è obbligatorio l'utilizzo del prezzario della Regione Puglia 2006);
6) quadro economico estimativo delle spese che si chiede di ammettere all'incentivo.
6. Criteri di selezioneLa selezione delle domande pervenute sarà svolta da una commissione nominata dalla Provincia di Foggia.
Per la formulazione della graduatoria di merito per l’ammissibilità all’incentivo saranno attribuiti i seguenti punteggi:
a. numero di anni per i quali il proponente si impegna a conservare la piccionaia e la colonia di colombi (massimo 25 punti): 0 punti per periodi di 5 anni, 1 punto per ogni anno superiore a 5 per periodi tra 6 e 10 anni, 2 punti per ogni anno eccedente i 10 anni;
b. ubicazione del manufatto in aree di particolare interesse per il falco lanario (massimo 20 punti): 20 punti per manufatti ubicati nei siti riproduttivi del lanario, 10 punti per manufatti ubicati nei siti potenziali riproduttivi dei rapaci rupicoli, così come perimetrati nella cartografia allegata all'inventario scientifico del Progetto LIFE Natura;
c. manufatto ubicato in azienda agricola che adotta metodi di coltivazione a ridotto impatto ambientale (massimo 20 punti): 20 punti per aziende che adottano il metodo biologico certificato, 10 punti per aziende che adottano la lotta integrata;
d. ubicazione delle aree (massimo 20 punti): 20 punti per manufatti ubicati in zona 1 del Parco Nazionale del Gargano, 10 punti per manufatti ubicati in zona 2 del Parco Nazionale del Gargano;
e. adesione dell'azienda agricola, effettuata precedentemente all'emanazione del bando, ad attività di tutela delle specie di rapaci proposte dal progetto LIFE Natura: 5 punti.
A parità di punteggio, la posizione in graduatoria sarà determinata dal maggior punteggio conseguito per un singolo criterio, partendo dal criterio a). In caso di ulteriore parità varrà l'ordine cronologico di presentazione delle domande.
Per l’ultima domanda che eventualmente non potrà essere finanziata interamente a causa dell’esaurimento dei fondi disponibili, il beneficiario avrà facoltà di accettare o rifiutare l’importo ridotto assegnato. In caso di rifiuto verrà scalata la graduatoria con lo stesso criterio, fino ad esaurimento della stessa.
In ogni caso, al fine di garantire una corretta distribuzione territoriale delle piccionaie, per ciascun comune sarà riservato il finanziamento di almeno un intervento, sempreché sia pervenuta almeno una domanda valida.
7. Erogazione dell’incentivo
Entro sessanta giorni dalla conclusione dell'intervento finanziato il beneficiario dovrà inviare una comunicazione scritta alla Provincia di Foggia allegando la seguente documentazione sottoscritta dal beneficiario:
1) progetto dell'intervento eseguito, corredato del titolo abilitativo all'attività edilizia (denuncia di inizio attività o permesso di costruire);
2) copia della comunicazione di ultimazione dei lavori trasmessa al comune;
3) documentazione fotografica delle opere realizzate;
4) dichiarazione di avvenuta colonizzazione della piccionaia con indicazione del numero di esemplari di colombi presenti (minimo 10);
5) contabilità dei lavori eseguiti, sottoscritta in originale dal direttore dei lavori e dall'impresa appaltatrice;
6) copia conforme all'originale delle fatture quietanzate con allegata copia della prova dell'avvenuto pagamento (bonifico bancario o assegno non trasferibile).
L’incentivo sarà erogato in un’unica soluzione entro 60 giorni dalla trasmissione di tutta la documentazione attestante la regolarità della spesa sostenuta.
Gli interventi dovranno essere comunque conclusi entro un anno dalla sottoscrizione della convenzione di finanziamento, pena la decadenza del beneficio.
8. Obblighi del beneficiarioIl beneficiario si obbliga, per il periodo per il quale è concesso l’incentivo, a rispettare l'obbligo del mantenimento della piccionaia e della colonia di colombi.
Il controllo circa il rispetto delle condizioni a fronte delle quali è concesso il contributo sarà svolto dal personale della Provincia di Foggia.
9. AvvertenzeCiascuna domanda deve riferirsi ad un unico manufatto.
È ammessa la presentazione di più domande da parte di uno stesso soggetto proponente a condizione che si riferiscano a manufatti ubicati in comuni diversi.
Nel caso in cui la proprietà del bene per il quale si chiede l’incentivo sia in capo a più soggetti (comproprietà) la documentazione richiesta deve essere sottoscritta da tutti i comproprietari.
10. Riapertura dei terminiNel caso in cui, scaduto il bando, le domande ritenute finanziabili siano inferiori alle risorse economiche disponibili, con apposito avviso che sarà pubblicato all'Albo pretorio dell'Ente verranno riaperti i termini del bando e sarà possibile presentare ulteriori domande, con tutta la documentazione necessaria, fino ad esaurimento delle risorse disponibili. Le ulteriori domande pervenute saranno esaminate secondo l'ordine cronologico di presentazione e non sarà stilata alcuna graduatoria. All'avvenuto esaurimento delle risorse verrà emesso un apposito avviso che sarà pubblicato all'Albo pretorio dell'Ente.
11. InformazioniEventuali chiarimenti e specificazioni potranno essere richiesti, negli orari di apertura al pubblico, direttamente agli uffici della Provincia di Foggia, presso i quali saranno consultabili anche la planimetria dell'area di progetto entro cui devono essere collocati i manufatti per i quali si chiede l'incentivo e la cartografia dei siti riproduttivi del falco lanario.
Il presente bando viene pubblicato anche sul sito internet www.lifegargano.it
Responsabile del Procedimento è il dott. Giovanni D'Attoli.
*****************************
Nella Sezione Download sono disponibili i seguenti documenti:
Testo integrale del bando
Schema domanda
Schema convenzione
 
 

 
home obiettivi habitat principali interventi didattica progetto life glossario link contatti download
powered by Happyflow - Cookie Policy Foto Matteo Caldarella e Michele Mendi